Coppa Italia, sconfitta indolore per Scandicci che elimina Firenze e vola alla Final 4 di Verona!

Alle ragazze di coach Parisi è bastato conquistare 2 set per accedere alle semifinali!
20.01.2019 08:42 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Scandicci Logo
Scandicci Logo

Una Savino di cuore. La squadra di Parisi doveva vincere due set per accedere alla Final Four di Verona e così ha fatto. Con freddezza e lucidità si è presa le finali di Coppa Italia domando un Bisonte non troppo arrabbiato. Una volta ottenuta la qualificazione Scandicci ha attuato un massiccio turn over ed a vincere la gara di ritorno è stato Il Bisonte.

La Savino Del Bene Scandicci scende in campo, davanti ad una splendida coreografia, con il suo starting six base con Malinov-Haak sull’asse palleggiatore-opposta, Adenizia-Stevanovic come coppia di centrali, capitan Bosetti e Vasileva come schiacciatrici e Merlo come Libero. Il Bisonte risponde con Djkema-Lippmann, la ex Alberti e Popovic come centrali, Daalderop e Sorokaite in Banda e Parrocchiale come Libero. Scandicci alza subito i toni con due punti consecutivi di Stevanovic (4-1), Haak poi trova un triplo Ace (7-1) che costringe Caprara a prendere tempo. Haak colpisce sempre il vuoto difensivo e ne trova un altro (8-1); il Bisonte torna sotto ma Vasileva porta il parziale sul +8 (10-2). Stevanovic trova un altro ace 12-3, ma Sorokaite accorcia (13-5) poi però Adenizia e Haak fanno 15-5 costringendo Caprara ad inserire Candi per Popovic. Le ospiti non ci stanno e tornano sotto (16-10) poi Alberti accorcia ancora (18-13) ma Bosetti alza la voce (20-15). Il Bisonte è ancora a tutta ed arriva a meno due (20-18) e la partita va avanti punto a punto fino al 22-21 quando la Savino Del Bene sprinta e si aggiudica il set per 25-22.

Nel secondo parziale la Savino Del Bene parte subito bene (3-1), ma Il Bisonte pareggia 3-3 con Lippmann, lo stallo continua (7-7) fino al 9-7 di Haak in diagonale. Le ragazze di Parisi allungano con una Vasileva stratosferica (13-8) e Caprara è costretto a chiamare tempo. Daalderop prova ad accorciare (13-9) e Sorokaite la emula con una palletta (14-12). Stevanovic alza il ritmo (17-12), poi capitan Bosetti trova il buco giusto (20-14) e costantemente supportate dal tifo dei Road Runners  le ragazze della Savino Del Bene Scandicci chiudono il set sul 25-20 tra errori ospiti e attacchi di Haak.

Una volta raggiunta Verona, Parisi cambia Malinov-Haak-Bosetti-Vasileva-Merlo-Stevanovic ed Adenizia rispettivamente con Caracuta-Zago-Papa-Mitchem-Bisconti-Mastrodicasa ma trova subito la quadra giusta con l’attacco di Zago (3-2). Poi però le ospiti vengono fuori con Sorokaite e Candi (5-9), ma Zago fa esplodere Scandicci 6-10. Le ragazze di Caprara continuano a macinare, ma Adenizia dice no (8-12); Papa trova l’ace che vale il nono punto per la Savino. Parisi inserisce anche Mazzaro per Adenizia e Scandicci accorcia con Zago (14-15). Il Bisonte torna avanti, ma Papa è lì (17-19). Poi il Bisonte sale in cattedra e chiude 20-25.

Nel quartto set Parisi conferma le atlete in campo (3-3), Degradi attacca e Zago risponde. Il set prosegue punto a punto con Mastrodicasa (6-5) che porta avanti la Savino Del Bene ma Degradi e Sorokaite fanno la voce grossa (6-10). Mitchem trova l’angolo di taraflex vincente (10-12) e poi riporta la Savino sotto di uno (12-13). Le ragazze di Parisi trovano il pari con Mazzaro (16-16), ma il Bisonte avanza con forza (16-20); poi Mazzaro trova un altro punto a muro ed un ace (20-23). Le ospiti poi vincono anche il secondo set e la gara va al tie break.

Nel set breve la Savino parte bene con Zago e Mazzaro (2-0), Degradi ribalta il parziale con un attacco ed un ace (2-3) e poi il canovaccio  vede l’equilibrio regnare in campo, tra una fast di Candi ed un attacco di Mitchem (7-7) si va al cambio di campo con Scandicci avanti grazie al muro di Zago. Candi trova l’ace (8-9), ma Zago trova il pari; poi Degradi porta il doppio vantaggio e Parisi chiama tempo (10-12). Il match prosegue punto a punto fino al 17-17 quando Mazzaro sbaglia il servizio e concede il break vincente alle ospiti. (18-20)