Serie A1, Novara pareggia i conti con Firenze: si va a Gara 3!

Egonu e compagne s’impongono per 3-1!
15.04.2019 08:33 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Igor Volley Logo
Igor Volley Logo

Vittoria in quattro set per la Igor Volley di Massimo Barbolini che riapre la serie con Firenze e ottiene la possibilità di disputare, ancora in casa, la decisiva gara tre lunedì sera. Avanti 2-0, le azzurre hanno subito il tentativo di rimonta delle toscane per poi chiudere, con un grandissimo recupero, il quarto e decisivo parziale.

Novara in campo con Egonu opposta a Carlini, Veljkovic e Chirichella centrali, Bartsch-Hackley e Plak schiacciatrici e Sansonna libero; Firenze con Lippmann in diagonale alla regista Dijkema, Alberti e Popovic al centro, Daalderop e Sorokaite in banda e Parrocchiale libero.

Egonu parte bene (4-3), Bartsch-Hackley allunga 7-5 e sull’11-7 (ace di Veljkovic), Caprara è costretto a fermare il gioco; Daalderop rientra (11-9) ma Novara riprende la corsa con due punti di Bartsch-Hackley (16-11) mentre Lippmann prova a rientrare firmando il maniout del 18-16. L’ace di Sorokaite vale il -1 (19-18), un pasticcio di Novara in difesa propizia il sorpasso (22-23) e Dijkema conquista il set ball (23-24). Due punti in fila di Egonu, complice una gran difesa di Sansonna, per il sorpasso (25-24) e poi, dopo un recupero di Nizetich, è ancora Egonu a fare 27-25.

Veljkovic accelera (3-0, ace) ma Popovic reagisce (8-7) mentre Bartsch-Hackley e Plak allungano nuovamente sull’11-7, costringendo Caprara al timeout. Firenze rientra (11-10), due ace di Egonu spingono le azzurre sul 16-10 e Chirichella con due muri allunga ancora sul 20-11. Finisce senza scossoni, con Veljkovic che mura Lippmann per il 25-14.

Tra le ospiti c’è in sestetto Degradi, mentre si parte testa a testa (3-3, poi 6-6) ma dopo il 10-9 di Egonu è Firenze a trovare un break importante portandosi sull’11-13. Novara ricuce lo strappo (13-13) ma il turno in battuta di Degradi (a segno anche in pipe) porta le ospiti sul 16-19, con un divario che rimane poi costante, nonostante i tentativi azzurri, fino al muro della stessa Degradi che chiude il set sul 21-25.

Sulle ali dell’entusiasmo, Firenze parte fortissimo: 0-5 con Degradi che fa il vuoto in battuta e Bartsch-Hackley che rompe il break in parallela (1-5). Sull’1-7 Barbolini si gioca la carta Camera, Egonu accorcia a muro (4-8) e poi è un fallo di Firenze a valere il 9-12 e a costringere Caprara al timeout; Bartsch-Hackley accorcia ancora (11-13), Egonu chiude a proprio favore uno scambio infinito (14-15) ma le azzurre sprecano un paio di occasioni preziose e Firenze, sul più bello, scappa 18-22 con un errore in attacco di Bartsch-Hackley. L’americana si rifà subito (20-22), Veljkovic “stoppa” Sorokaite (21-22) e poi a rete trova l’impatto sul 23-23. Egonu firma il sorpasso in diagonale (24-23) e poi è ancora la centrale serba, premiata con merito MVP del match, a fare 25-23 a muro.