Superlega, impresa Lube a Trento: Simon e compagni fermano la corsa dei Campioni del Mondo!

Civitanova espugna il PalaTrento!
21.01.2019 10:02 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Lube Logo
Lube Logo

Fefè De Giorgi per il big match a Trento sceglie Simon al centro in coppia con Cester, poi Bruno-Sokolov e Juantorena-Leal, Balaso libero. Il coach dell’Itas Lorenzetti rispetta le previsioni con Giannelli-Vettori, Lisinac-Candellaro, Russell-Kovacevic, Grebennikov libero.

Il turno al servizio di Bruno e un’ottima gestione del contrattacco permette alla Lube di firmare subito un break di 0-4 (2-4), Trento rientra con l’errore di Leal (5-5) ma un muro del cubano su Vettori (dopo l’ace di Simon) spinge i biancorossi al +3 (5-8). Un vantaggio confermato dall’errore di Kovacevic nonostante il contrattacco di Vettori (9-12), allungato dal muro di Simon e dall’ace di Bruno (10-15). La Lube arriva fino al 15-20, Kovacevic però prima ferma Sokolov, contrattacca il -2 (19-21) poi sbaglia regalando il 19-23 ai cucinieri: chiude un muro di Cester 20-25. Per l’opposto bulgaro 5 punti e 71% in attacco.

Trento sale di livello a muro nel secondo set, Russell e Giannelli portano l’Itas al +2 (7-5), un altro errore di Kovacevic in attacco sancisce la parità (8-8): si va punto a punto fino al nuovo break firmato ancora dal muro trentino (Candellaro ferma Sokolov, Giannelli su Juantorena, 15-12). Bruno prova a spostare il gioco al centro, Balaso si esalta in difesa e Sokolov mette giù il -1 (17-16) ma Giannelli risponde dei nove metri (ace 19-16). Cester ferma Vettori per il nuovo -1 (21-20) ma non basta, Trento trova sempre il cambio palla e chiude con Lisinac (3 punti nel set con il 75%) 25-23.

Gli errori in attacco di Kovacevic e Vettori spingono la Lube sul 2-5 nel terzo set, l’invasione del martello serbo e l’ace di Simon firmano il 3-8. Lorenzetti toglie Kovacevic e inserisce Van Garderen, i trentini mangiano un punto di vantaggio con il muro di Lisinac su Cester (5-8), poi l’ace di Vettori e l’errori di Juantorena portano l’Itas a -1 (10-11). La Lube ricostruisce il +3 con Sokolov (10-13), il match sale di tono con gli attacchi delle due squadre protagonisti (gran colpo di Sokolov per il 13-16, 7 punti e 88% in attacco nel terzo set), Juantorena allunga ancora ed è 16-20. Sul 18-22 entra Diamantini per Cester, la Lube resiste ai tentativi di rimonta di Trento e chiude con un gran diagonale di Juantorena 22-25.

Partenza sprint della Lube nel quarto set con Simon e Sokolov protagonisti a muro (1-5), Trento prova a reagire (8-10) con una palla probabilmente non vista dall’arbitro (tocco di Russell) e il match si accende sotto rete. Arriva un cartellino giallo per parte, i biancorossi forzano il servizio e guadagnano il +5 con Leal (10-15), l’Itas risponde con l’ace di Lisinac (12-15), Cester ristabilisce le distanze dai nove metri su Van Garderen (14-19). Trento non trova dalla battuta le risposte giuste per cercare una rimonta (18-23), la Lube conquista una meritatissima vittoria (20-25).