Il mercato ha cambiato volto al roster di Conegliano, ma che squadra si ritrova a disposizione Santarelli?

Più forte la nuova Imoco oppure quella della scorsa stagione?
 di Gabriele Cantella  articolo letto 1026 volte
Le Pantere esultano
Le Pantere esultano

Come spesso accade nella pallavolo, il mercato estivo ha profondamente cambiato la fisionomia del roster di Conegliano, restituendo ai tifosi una squadra assai diversa da quella che ricordavano. Via Ortolani, Barazza, Robinson, Fawcett, Malinov,  Costagrande e Skorupa, confermate De Gennaro, Danesi, Folie, Bricio, Cella e, a sorpresa, De Kruijf.

I volti nuovi sono quelli di Hill, Fabris, Wolosz, Melandri e della figliol prodiga Megan Easy, di ritorno dalla Cina. Se è vero che con l'addio di Skorupa, tra le migliori alzatrici attualmente in circolazione, l'Imoco perde inevitabilmente qualcosa al palleggio, altrettanto vero è che la connazionale Joanna Wolosz ha alle spalle una solida esperienza, anche in Italia tra le file di Busto, e un palmarès ricco di trofei conquistati in Polonia con il Chemik Police.

Al posto dell'impalpabile Fawcett è arrivata Samanta Fabris, messasi in luce come una delle migliori bomber della Serie A1 nelle ultime stagioni. Rivoluzionato anche il reparto bande, che ha perso Ortolani, Robinson e Costagrande, ma ha acquisito la straordinaria Kimberly Hill, che il pubblico del PalaVerde ha già avuto modo di vedere all'opera e apprezzare in finale di Champions League, e ritrovato un pezzo da novanta come Megan Hodge, tra le principali artefici del primo storico Scudetto gialloblù.

A completare il reparto, Elisa Cella e Samantha Bricio, che, superati i guai fisici che ne avevano compromesso l'utilizzo nella seconda parte della scorsa stagione, potrà rivelarsi determinante. Il pacchetto centrali è rimasto inalterato, con le conferme di Danesi, Folie e soprattutto di Robin De Kruijf: la permanenza dell'olandese, che pareva in un primo momento destinata in Cina e successivamente vicina a Casalmaggiore, rappresenta il valore aggiunto a una rosa di assoluto livello.

Al centro, coach Santarelli potrà contare anche sul talento e la freschezza di Laura Melandri, reduce da un'ottimo campionato a Firenze. La nuova Imoco ci appare sulla carta più completa per profondità di rosa e varietà di alternative e quindi più competitiva rispetto a quella della scorsa stagione, ma la carta, si sa, non sempre corrisponde al verdetto del campo...