L’Italia parte bene: 3-1 al Giappone!

Buona prova degli Azzurri di Blengini nella prima uscita stagionale!
24.05.2019 09:05 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Blengini
Blengini

Cagliari. Parte con una vittoria la stagione della Nazionale Seniores Maschile che supera il Giappone 3-1 (25-20, 18-25, 25-16, 25-21) nella pria delle due amichevoli in programma al PalaPiRastu di Cagliari.
Il ct degli Azzurri Gianlorenzo Blengini per l’avvio di gara si affida al sestetto composto da Antonov, Russo, Nelli, Lavia, Candellaro, Sbertoli e al libero Pesaresi. Dall’altra parte della rete coach Nakagaichi risponde schierando Ishikawa, Lee, Nishida, Yanagida, Takahashi, Hideomi e il libero Ide.
Esordio in magia azzurra per Oreste Cavuto, Giulio Pinali e Daniele Lavia. Mvp di serata Gabriele Nelli autore di 12 punti, 1 ace e 3 muri.

CRONACA - Dopo un avvio equilibrato (5-5) è la formazione azzurra a riuscire nel primo allungo di serata portandosi sul +4 (10-7). Un vantaggio che i ragazzi di coach Blengini amministrano bene nel corso di tutta la durata del parziale e che gli permette di chiudere la prima frazione senza patemi a proprio favore (25-20).
Nel secondo set il Giappone parte forte piazzando un break che lo porta sul +5 (3-8). La reazione azzurra non tarda ad arrivare e un muro piazzato di Candellaro e compagni segna la parità (13-13). Sono però i ragazzi allenati da Nakagaichi a riprendere in mano le redini del gioco e a conquistare il secondo set (18-25).
Per un lungo tratto la terza frazione si sviluppa sul filo dell’equilibrio (10-10). E’ l’Italia a piazzare il primo allungo consolidato dall’efficacia in attacco di Lavia e un ace di Polo (14-10). Capitan Antonov e compagni prendono il largo spinti da due ace di Lavia e all’efficacia del muro (20-13). Il finale è tutto azzurro: i ragazzi di coach Blengini chiudono agevolmente 25-16.
E’ il Giappone a piazzare il primo break in avvio di quarto set (5-9). Gli Azzurri ritrovano continuità nella manovra: con Nelli pareggiano i conti (11-11) e con un ace di Cavuto allungano il passo (15-13). Pronta la reazione degli ospiti che si riportano sulla parità (17-17) ma cedono sotto l’efficacia azzurra. Sfruttando un errore avversario i ragazzi di Blengini chiudono la partita senza patemi (25-21).