Si parla sempre di Zaytsev, Magnum, De Cecco e Potke, ma poco di Bernardi! È 'Mister Secolo' il Demiurgo di una Perugia inarrestabile! Ecco perché...

È Bernardi il principale artefice dei recenti successi della Sir!
01.03.2018 11:26 di Gabriele Cantella  articolo letto 1742 volte
Bernardi
Bernardi

Zaytsev, Atanasijevic, De Cecco, Podrascanin, il roster di Perugia vanta di stelle di prima grandezza, ma non bastano i campioni per vincere! La Sir vince perché è squadra e il merito di aver saputo trasformare in una squadra vincente un gruppo di grandi giocatori va a Lorenzo Bernardi, il vero Demiurgo della corazzata umbra!

A Perugia 'Mister Secolo' ha portato la sua mentalità e l'ha trasfusa nelle vene dei suoi ragazzi, mettendo a loro disposizione la sua straordinaria esperienza e le sue conoscenze, ma facendo da subito capire a tutti che a comandare sarebbe stato lui! L'autorevolezza e il carisma del miglior pallavolista di tutti i tempi ha fatto presa su Zaytsev e compagni, che hanno sempre remato tutti nella stessa direzione, seguendo il loro allenatore e mettendo il bene della squadra davanti a tutto!

È così che Bernardi è riuscito a far convivere Atanasijevic e lo Zar, ottenendo da quest'ultimo la massima disponibilità a sacrificarsi in banda, badando più alla ricezione che all'attacco. Gestire uno spogliatoio con tante 'Prime Donne' è compito sempre delicato per un allenatore, che dev'essere abile a gestire al meglio lo spogliatoio per non alterare equilibri spesso assai labili.

'Lollo' ha saputo coinvolgere tutti, facendo sentire importante ciascuno degli interpreti a sua disposizione e tirando fuori il meglio da ognuno di loro. Ha dato un gioco e un'anima alla Sir, ha trasformato Zaytsev in un martello di grande efficacia, ha consegnato a De Cecco le chiavi della squadra e fatto ruotare con intelligenza gli uomini a sua disposizione.

Anche dal punto di vista della comunicazione, Bernardi si è rivelato all'altezza, gestendo con prudenza il rapporto col vulcanico presidente Sirci. I risultati parlano per lui: una Regular Season dominata dall'inizio alla fine, il primo posto nel girone di Champions, ma soprattutto già due trofei in bacheca, i primi nella storia di Perugia! E il bello deve ancora venire...