Mondiale: quinto titolo per Trento, la Lube cede 3-1

Trentino Diatecx Campione del Mondo per la quinta volta. Continua la maledizione delle Finali per la Cucine Lube Civitanova.
03.12.2018 00:55 di Redazione Pallavolissimo  articolo letto 48 volte
Trento
Trento

Risultato Finale Mondiale per Club: 
Cucine Lube Civitanova (ITA) – Itas Trentino (ITA) 1-3 (20-25, 25-22, 20-25, 18-25)

 

“Campioni del Mondo” da scrivere in inciso per cinque volte! A sei anni di distanza dall’ultima volta, la Trentino Diatecx torna a incidere il proprio nome nell’albo d’oro del Mondiale per Club, conquistando il suo quinto titolo iridato di sempre. Lo straordinario e per certi versi inaspettato exploit si è completato in serata alla Hala Sportowa di Czestochowa, dove i gialloblù hanno superato in una Finale a sole tinte tricolori la Cucine Lube Civitanova, grande indiziata per il successo alla vigilia. Nemmeno i favori del pronostico e una comunque battagliera formazione marchigiana hanno potuto nulla contro la feroce determinazione di questa Trentino Volley, capace di completare il suo percorso netto nel torneo polacco con un 3-1 in finale al termine di una prestazione monstre in tutti i fondamentali, che ha messo costantemente sotto pressione gli avversari.

Sostenuta da un’ottima ricezione, la Trentino Diatecx ha sempre potuto fare il proprio gioco variandolo su tutto il fronte d’attacco (57% di squadra con appena quattro errori diretti) e trovando nel muro e nella difesa armi importanti per togliere certezze alla Lube. Anche nel momento più difficile della partita, ovvero sull’1-1 nel computo dei parziali, la formazione di Lorenzetti è ripartita sfruttando al massimo le qualità della regia di Giannelli e l’efficacia a rete dei posti 4 Kovacevic (16 punti col 61% in attacco con due ace) e Russell, best scorer del match con 20 palloni a terra, il 55% in attacco, un muro e un ace, alla fine meritatamente premiato come mvp. Il rotondo successo sulla Lube, che interrompe una striscia di dieci vittorie dei marchigiani nello scontro diretto, è arrivato anche per merito dello strepitoso lavoro in seconda linea di Grebennikov, dei 12 punti di Vettori e dei centrali Lisinac (69% in primo tempo con 3 muri) e Candellaro, che ha firmato una partita da ex di turno in cui ha realizzato 6 block personali e l’80% in primo tempo.

La cronaca. 
La Trentino Diatecx si presenta in formazione tipo al cospetto degli oltre 5600 spettatori della Hala Sportowa di Czestochowa: Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in posto 4, Lisinac e Candellaro al centro e Grebennikov libero. La Cucine Lube Civitanova risponde con Bruno al palleggio, Sokolov opposto, Juantorena e Leal schiacciatori, Stankovic e Simon centrali, Balaso libero.

L’avvio dei gialloblù è molto efficace; grazie alla rotazione al servizio dell’ex Candellaro. Trento va in fuga (14-10). Medei interrompe il gioco e alla ripresa arriva la risposta della Lube, che con Juantorena a muro e un errore di Russell a rete ricuce sino al 15-14. La Trentino Diatecx riparte dopo il secondo time out tecnico con un muro di Giannelli su Leal e con due break point di Kovacevic si porta sul +5 (22-17) per chiudere i conti sul 25-20 con lo slash di Lisinac.

Il copione non cambia in avvio di secondo set con Trento avanti 9-7, prima che la Lube con Simon al servizio pareggi prima i conti e poi metta la freccia (9-11, time out di Lorenzetti). Parziale combattutissimo con Trento avanti 20 a 19. La Lube reagisce con i muri di Leali e Stankovic su Kovacevic (22-23) e poi pareggia i conti con un altro grande block di Simon su Russell (22-25).

Il terzo set riparte sul filo dell’equilibrio (8-8), poi Trento con Lisinac allunga (12-10) e aumenta ancora il margine in corrispondenza del secondo time out tecnico (16-13) grazie a un muro a uno di Vettori su Leal. La Lube con lo stesso cubano al servizio recupera subito (16-16), ma il nuovo affondo gialloblù è firmato da Candellaro (21-18) con i muri su Stankovic e Simon. E’ lo spunto decisivo, perché poi i biancorossi cedono sul 25-20.

Nel quarto parziale Medei si gioca la carta D’Hulst in cabina di regia, ma l’inizio della Lube è ancora problematico (4-1); Trento non ne approfitta, facendosi riprendere da Stankovic già a quota cinque. La Lube passa a condurre sul 9-10 e poi sul 10-12 con il muro dello stesso capitano dei cucinieri. I gialloblù rispondono con Russell in attacco (15-15) e poi allungano con Kovacevic al servizio (19-15). E’ lo spunto decisivo; il set si chiude già sul 25-18 con l’attacco finale di Aaron Russell.