Supercoppa Italiana - Lube supera Modena e vola in finale!

I marchigiani volano in finale
 di Redazione Pallavolissimo  articolo letto 6 volte
Supercoppa Italiana - Lube supera Modena e vola in finale!

Cucine Lube Civitanova - Azimut Modena 3-1 (16-25, 25-19, 25-23, 25-22)
 

La due giorni della Del Monte® Supercoppa Italiana all’Eurosuole Forum si apre con una vittoria in rimonta dei padroni di casa della Cucine Lube Civitanova davanti a oltre 4000 spettatori. La formazione di Giampaolo Medei supera in 4 set la Azimut Modena di Radostin Stoytchev e passa il turno come prima finalista. Domani alle 18.00, con diretta su RAI Sport + HD, il sestetto marchigiano affronterà la vincente di Diatec Trentino – Sir Safety Conad Perugia, partita attualmente in corso, mentre gli emiliani, che perdono l’occasione di agguantare la terza Supercoppa di fila, se la vedranno contro gli sconfitti domani alle 15.00, con live streaming su Lega Volley Channel.

Una Semifinale iniziata in salita per Juantorena e compagni, non pervenuti in attacco e a muro nel primo parziale. Poi la metamorfosi al rientro in campo con una buona partenza e un solo giro a vuoto nel cuore del secondo parziale, rimediato in chiusura. A decidere il terzo set, vinto in volata dai marchigiani, nonostante la maggior efficacia di Modena in attacco, è la tenuta mentale nei momenti clou. Il quarto parziale sembra quasi una formalità per Civitanova, ma la rimonta di Modena regala un finale thrilling vinto dal sestetto di Medei con una grande prova di gruppo e con le giocate di Sokolov, miglior realizzatore dell’incontro con 20 punti personali.

Euforia sugli spalti fin dal primo pomeriggio per le incursioni del giornalista Lorenzo Dallari, mattatore del pre-match con nuovi giochi per i tifosi insieme alla mascotte Mister Banana, e one man show nel riscaldamento con le interviste agli atleti più popolari della manifestazione.

Tanto lavoro per il Video Check System, con software di ultima generazione e 17 telecamere puntate sul campo tricolore per coadiuvare i direttori di gara nelle situazioni più dubbie. Replay sul maxi-schermo accompagnati dal clamore degli spettatori, partecipi per tutto il tempo. Parentesi divertenti tra un set e l’altro con la kiss cam e le altre animazioni sul maxi-schermo, commentate dallo speaker Giuseppe Baratta.

La Cucine Lube Civitanova si schiera con Christenson al palleggio per la bocca da fuoco Sokolov, centrali Stankovic e Cester, in posto 4 Juntorena e Kovar, libero Grebennikov. La Azimut Modena risponde con Bruno in cabina di regia per l’opposto Sabbi, al centro Holt e Mazzone, laterali Earvin Ngapeth e Urnaut, libero Rossini. Swan Ngapeth non a referto per un lieve infortunio.

 

Nel primo set, fin dall’avvio è la Azimut Modena a imporre il proprio gioco (4-11). I canarini trovano il +9 su una difesa errata dei marchigiani (7-16). La Cucine Lube Civitanova prova a invertire l’inerzia del parziale, ma la serie di Urnaut dai 9 metri coincide con il massimo vantaggio degli emiliani (11-22). Medei inserisce Candellaro e Sander per Stankovic e Kovar, ma a esultare sono gli uomini di Stoytchev alla terza palla set con la giocata di Mazzone (16-25). Il divario è nelle percentuali a muro e in attacco.

Nel secondo parziale la Cucine Lube Civitanova risorge (12-5). Il sestetto di Stoytchev, invece, perde terreno sul mani out di Kovar (15-7). Poi, però, Modena inserisce la “modalità campione” in difesa e riesce a risalire (17-13). Dopo l’attacco a rete di Kovar i giochi sono riaperti (18-16). Nel momento di incertezza i campioni d’Italia si ricompattano (20-17). Come in chiusura di primo set, Medei inserisce Candellaro al centro e Sander in posto 4. Quest’ultimo si rivela decisivo a muro (23-18 e 24-19), ma è il block di Juantorena (7 punti) a chiudere il parziale (25-19). Biancorossi più precisi in attacco e nella correlazione muro-difesa.

Il terzo set si apre sul filo dell’equilibrio. Dopo l’ace di Christenson (8-7) la Cucine Lube Civitanova ha il naso avanti. Con Urnaut al servizio la Azimut Modena trova uno strappo (9-12). Poi l’allungo (10-15). Il team marchigiano cresce nella gestione del pallone e induce più volte all’errore gli emiliani fino al pareggio di Juantorena (17-17). Il punto a punto si protrae fino al 21-21. La Cucine Lube trova un break con l’ace di Sokolov (23-21). Kovar sigla il 24-22. Modena reagisce, ma capitola, tradita dalla battuta di Ngapeth (25-23). Modenesi beffati nonostante la maggior efficacia in attacco.

Sulle ali dell’entusiasmo i padroni di casa sono avanti 8-4 dopo il mani out di Kovar nel quarto parziale. Stoytchev inserisce Van Garderen al posto di Mazzone, ma i biancorossi allungano (9-4) e restano padroni del gioco (15-10). Il collettivo emiliano non molla e riduce il divario alzando il livello nei fondamentali (21-20). Gli scambi si allungano grazie alle difese delle due squadre, ma la schiacciata di Kovar vale il 23-21. Sabbi replica subito, ma il successivo attacco di Ngapeth non trova il campo (24-22). L’attacco di Van Garderen si spegne a rete e sale il volume dei tifosi biancorossi per il 25-22 finale.